Venezia delle Meraviglie (parte terza)

Scritto da Maurizia Ghisoni | agosto 13, 2014 0

Dorsoduro VEVT 025 Venezia Angolo del passato di G Naccari

Da piazzale Roma attraversiamo il Ponte di Calatrava, il quarto sul Canal Grande inaugurato nel 2008 e proseguiamo in direzione Rialto lungo la Fondamenta Santa Lucia, lasciandoci sulla sinistra la stazione ferroviaria e poi lungo la frequentatissima Lista di Spagna.

Castello VEPS 063 Venezia Rio Querini

Arrivati in Campo San Geremia, proseguiamo per l’omonima Salizada e superato il Ponte delle Guglie, deviamo a sinistra per la fondamenta parallela al canale. Superiamo quindi l’ingresso del Ghetto lungo la Fondamenta di Cannaregio e, all’altezza del Sottoportego dei Vitelli, deviamo a destra, guadagnando il civico 1045, sede della storica Ditta Angelo Orsoni Mosaici.

Alberto 2 venezia (1)

Eccoci catapultati nell’ennesimo, suggestivo microcosmo di venezianità pura!
Basta varcare il cancello e, nel giardino, compaiono i primi crogioli, la fornace dove nascono le piastre colorate e quelle con la preziosa foglia d’oro, e il Laboratorio dove si tagliano manualmente le tessera da mosaico.

Cannaregio Venezia mos 37 Orsoni Mosaici, i crogioli

In fondo al cortile, c’è il magazzino, vera e propria biblioteca dei colori, con lunghi scaffali in legno dove sono custodite le tavolette di vetro diligentemente suddivise e numerate per tinta.

Cannaregio VE 0370  Venezia Orsoni mosaici il magazzino detto Biblioteca dei colori

Un arcobaleno infinito di colori e sfumature, davanti al quale si starebbe ore, ammaliati da tanta luce e bellezza.

Cannaregio VE 0434  Venezia Orsoni mosaici

Nata alla fine dell’Ottocento a Murano (all’epoca le fornaci dovevano stare lontane dal centro storico per limitare il rischio di incendi), la Ditta Orsoni si è ritagliata una posizione di punta sul mercato.

Sestiere  Cannaregio Venezia mos 29 Orsoni Mosaici, Esposizione

Dal suo laboratorio partono ogni anno milioni di tessere in vetro colorato per andare a realizzare i più bei mosaici in tutto il mondo: da quelli del Teatro Nazionale di Toronto al gigantesco Buddha di Singhabury in Thailandia; dalla grande fontana della Dresdner Nank di Francoforte alla Sala d’Oro del Municipio di Stoccolma dove, tutti gli anni, si svolge la cerimonia dei Premi Nobel.

Qui, alla sede di Cannaregio, si può ammirare la Galleria dei Mosaici, che raccoglie diverse opere di Lucio Orsoni; si può assistere alla produzione degli smalti e acquistare direttamente le tessere colorate.

Cannaregio VE 0433  Venezia Orsoni mosaici

E non è tutto: da alcuni anni, l’azienda Orsoni organizza un master in mosaico “Vivere la Bottega Veneziana-Storia, teoria e applicazione dell’Arte Musiva”, al quale possono partecipare architetti, artisti, semplici appassionati e chiunque sia interessato a scoprire le tecniche del mosaico e i segreti per il taglio delle lastre  www.orsoni.com .

Cannaregio VEMOS 001 Venezia Smalti e ori per mosaico di A Orsoni

A questo punto, non possiamo sottrarci dal completare il percorso del vetro e partiamo in vaporetto per Murano (linea 5 dall’imbarcadero di fronte all’ingresso del Ghetto), dove sabbia e fuoco continuano ad essere gli ingredienti principali di un’arte tanto antica quanto prestigiosa. Qui, si soffia ancora il bolo incandescente come tradizione comanda.

Carlo moretti furnace, Murano, Venezia, Venice, Veneto, Italia, Italy

Sbarcati, abbiamo solo l’imbarazzo della scelta tra una miriade di laboratori e show-room pieni di vasi, calici, bicchieri, lampade, sculture e altre meraviglie tanto fragili quanto irresistibili.

Sestiere San Marco VEVT 004 Venezia Isola negozio vetri Carlo Moretti

L’effetto è quasi abbagliante, uno stordimento di riflessi e colori!  Molti di questi produttori appartengono al Consorzio Murano Glass www.muranoglass.com , che contraddistingue ogni pezzo con un proprio marchio, a garanzia della sua piena originalità e autenticità.

Sestiere San Marco VEVT 005 Venezia Isola negozio vetri Carlo Moretti

A conclusione di questo tour, non può naturalmente mancare una puntatina al Museo dell’Arte Vetraria, in Fondamenta Giustinian 8, dove si possono ammirare storici manufatti dei maestri vetrai tra il XV e il XVII secolo. www.museiciviciveneziani.it

Dorsoduro VEVT 031 Venezia Angolo del passato di G Naccari

Info: Presso l’Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Venezia e Ambito di Venezia, Castello 5050 www.turismovenezia.it , e presso l’Ufficio Informazioni e Assistenza Turistica (I.A.T.) della Stazione Ferroviaria Santa Lucia si possono avere tutte le informazioni utili al proprio soggiorno, una cartina della città e news sugli eventi. Al sito www.hellovenezia.com troverete dritte utile su manifestazioni, trasporti, orari, Venicecard…

Leggi anche   Venezia delle Meraviglie parte prima

Venezia delle Meraviglie parte seconda     Venezia / Tra Bacàri, Ombre e Cicheti

 

 

 

Creative Commons License
Venezia delle Meraviglie (parte terza) by Maurizia Ghisoni is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 4.0 International

POST SUCCESSIVO Irlanda, nei Giardini di Excalibur
POST PRECEDENTE Venezia delle Meraviglie (parte seconda)