Valtellina (Sondrio) / Prosit al Vino di Montagna !

Scritto da Maurizia Ghisoni | ottobre 14, 2014 0

Valtellina 0498

Vi è mai capitato di assistere a una vendemmia di montagna, ma proprio di montagna? Una di quelle dove i filari corrono come treccioline su piccole terrazze sostenute da muretti a secco letteralmente strappate alla roccia? E dove gli uomini fanno su e giù con pesanti gerle sulle spalle a mo’ di instancabili formiche?

Valtellina 0520

Valtellina 0612

A noi è capitato in Valtellina, provincia di Sondrio, precisamente sul versante retico, dove i vigneti vengono coltivati sui fianchi delle montagne, richiedendo a caparbi vignerons un investimento di tempi e di energie stimati 25 volte superiori a quelli dei loro colleghi piemontesi, toscani o friulani. Le statistiche parlano infatti di 1200 ore di lavoro manuale annuo per ettaro contro le 50-60 sufficienti altrove. Un bello sbattimento, vero?

Valtellina 0535

Ma non tutto il male vien per nuocere, ci spiegano i produttori riuniti in uno zelante Consorzio di Tutela, perché è proprio la presenza della roccia viva, che abbraccia i piccoli terrazzamenti, a moltiplicare l’apporto del calore solare, favorendo un eccellente grado di maturazione dei grappoli d’uva.

Valtellina 0370

Valtellina 0444

Valtellina 0634

Il paesaggio è, naturalmente, di quelli che lasciano senza parole: ordinate geometrie di vigneti sembrano arrampicarsi una sull’ altra come giardini pensili, e tutti gli anni, a inizi autunno, impegnano i produttori in vendemmie-scalate, per raccogliere una pregiata uva nebbiolo, nota qui come chiavennasca, da cui si ricava il re dei vini valtellinesi, lo Sforzato o Sfursat.

Valtellina 0223

Nettare color del rubino, primo passito rosso secco italiano a fregiarsi, nel 2003, della DOCG (denominazione d’origine protetta e garantita), che ogni azienda ottiene dalle partite migliori di nebbiolo.

Valtellina 0158

Il nome curioso è dovuto alla cosiddetta forzatura, la fase di appassimento dei grappoli che, subito dopo la vendemmia, vengono posti per circa tre mesi su graticci, in locali asciutti e ventilati chiamati fruttai.

Dopo questo periodo, l’uva perde circa il 40% del suo peso, concentrando il succo e sviluppando particolari sentori aromatici, che la rendono pronta per la pigiatura.

Valtellina 0126

Seguono quindi venti mesi di invecchiamento e affinamento in botti di legno e in bottiglia, dopodiché questo rosso corposo e di carattere, con grado alcoolico minimo 14 %, è pronto per la degustazione: in solitaria, in quanto eccellente vino da meditazione, o abbinato a formaggi d’Alpe stagionati e carni saporite.

Valtellina 0318

Ma i vigneti di queste belle montagne non producono solo Sforzato; dalle loro uve si ottiene anche il Valtellina Superiore, un rosso austero e vellutato, regolamentato da una DOCG articolata in cinque sottozone: Inferno, Sassella, Maroggia, Grumello e Valgella.

Valtellina 0090

Un vino prodotto secondo un Disciplinare rigoroso, che gli enologi definiscono asciutto e giustamente tannico, che richiede un periodo minimo di affinamento di 24 mesi, di cui almeno 12 in botti di rovere. E in particolari annate, con 36 mesi di invecchiamento, è consentita la qualifica Riserva.

Valtellina 0190

Il Valtellina Superiore è compagno perfetto per arrosti, brasati, selvaggina. Non c’è gourmet che non apprezzi un vellutato Valgella in abbinata a profumata bresaola o al Violino di Capra. Mentre agli amanti di pizzoccheri e altri primi piatti tradizionali, è caldamente consigliato un rosso Terrazze Retiche di Sondrio IGT.

Listener[1] (2)

Valtellina 0491

Link utili: Consorzio di Tutela Vini di Valtellina    www.vinidivaltellina.it

Valtellina 0099

Quelli prodotti in Valtellina non sono naturalmente gli unici vini “montani” della nostra penisola. Si vendemmia su terrazze strappate alla roccia anche in Valle d’Aosta, dove si coltiva il vigneto più alto d’Europa, da cui si ricava il Blanc de Morgex et de La Salle. Alle Cinque Terre (Liguria); sull’isola di Ponza; alle falde dell’Etna, in Sicilia e in altri luoghi di questa nostra sorprendente Italia.

E Voi, avete assistito a qualche vendemmia in quota?    Ce la volete raccontare?

 

 

 

 

Creative Commons License
Valtellina (Sondrio) / Prosit al Vino di Montagna ! by Maurizia Ghisoni is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 4.0 International

POST SUCCESSIVO Australia / Flinders, Viaggio alle Origini della Terra
POST PRECEDENTE Attimi in bianco e nero