Sappada (Bl), Dolomiti veraci e golose .

Scritto da Maurizia Ghisoni | gennaio 7, 2017 0

Sappada 079 Sappada vecchia abitazione tradizionale

Sospesa tra Veneto, Friuli e Carinzia, Sappada (Bl) è un delizioso mosaico di borgate adagiate ai piedi del Monte Peralba e di altre vette dolomitiche, a cui l’inverno regala una bellezza singolare, accentuando quel tratto austriaco che, secondo la leggenda, le diedero gli originari coloni dalla Villgrattental (Tirolo) e che ancora oggi si può leggere nelle architetture tradizionali, con case (haus) e stalle (schtol) costruite per lo più con il sistema Blockbau: il basamento in pietra e la parte superiore fatta di tronchi sovrapposti orizzontalmente e incastrati negli angoli senza l’utilizzo di viti o chiodi.

Sappada 097 Sappada vecchia

Sappada Vecchia, articolata in 8 borgate (Muhlbach, Cottern, Hoffe, Fontana, Kratten, Soravia, Ecche e Puiche), è un concentrato di questi edifici carichi di fascino, di chiesette, fienili e rastrelliere (Keisn) utilizzati un tempo per essiccare i cereali. Un microcosmo che ha vinto la sfida del tempo e della globalizzazione e che, proprio per questo, dal 2007 può fregiarsi della Bandiera Arancione del Touring Club Italiano in quanto piccolo comune  in grado di offrire accoglienza di qualità, in “luoghi di cultura e tradizione, fuori dai flussi turistici tradizionali”.

Old Sappada (Sappada vecchia), Sappada, Veneto, Italia, Italy, Europe

Ce ne rendiamo conto setacciando vicoli, slarghi e stradine, scoprendo a ogni passo scorci e dettagli inconsueti da fotografare: balconi, murales con scene di vita contadina, statue di legno, richiami al vivace carnevale sappadino, che quest’anno prende il via dal 12 febbraio e ha come personaggio chiave la maschera inquietante del Rollate, di cui persino i lampioni recano l’effigie.

Street lamp, Sappada, Veneto, Italia, Italy, Europe

Tappa d’obbligo, il Museo Etnografico Giuseppe Fontana con le sue collezioni geologica e paleontologica, manufatti di legno, oggetti d’uso quotidiano e una sezione dedicata alle usanze sacre e profane del territorio.  E’ qui che scopriamo che, fino agli anni Quaranta del secolo scorso, in tutta la valle si parlava il Plodarisch, una lingua legata al tedesco medioevale con numerosi elementi comuni a quelle di Sauris e di Timau, in Carnia. In seguito, prevalsero le imposizioni linguistiche del fascismo e l’utilizzo di parole neolatine, che non hanno però cancellato del tutto l’interesse per la lingua arcaica, come testimonia un manipolo di appassionati, riuniti nell’ Associazione Plodar, che dal 2004 organizza anche corsi di sappadino.

Ethnographic museum, Cima Sappada, Veneto, Italia, Italy, Europe

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, anche i giovani sono orgogliosi delle loro radici d’oltralpe, come, per esempio, Manuel Cesco, talentuoso scultore di Cima Sappada, che non ha avuto esitazioni nell’ aggiungere al cognome del padre, quello della madre, che fa Graz ed è di chiara matrice austriaca.

Sappada 556 Cima Sappada scultore Mauel Graz Cesco

Anche la cucina tradizionale sappadina affonda le radici nel passato d’oltralpe, portando in tavola specialità capaci di accontentare anche i palati più esigenti: ravioli alle erbe (gepichta kropfn); canederli di pane raffermo e speck; minestra d’orzo con latte, speck e patate (Gherschte suppe); Spetzli agli spinaci; cervo con salsa di mirtilli; polenta con fonduta e funghi.

Sappada 471 rist Keisn cestino polenta funghi fonduta

Da queste parti si gusta anche una singolare quanto profumata Saurnschotte, ricotta acida aromatizzata al dragoncello, prodotta in un piccolo caseificio in Borgata Fontana, gestito da due intraprendenti sorelle.

Covo goloso assolutamente da non perdere è la Bottega di Sappada in Borgata Palù, gestito da Massimo e Michela, attenti selezionatori di speck,  formaggi di malga a varia stagionatura, grappe, salse, confetture e altre specialità dolomitiche. E poi, per colazioni e merende veloci, magari di rientro da una passeggiata in quota, c’è il Forno Pasticceria Dorfarpeck in Borgata Granvilla, dove si viene letteralmente rapiti dal profumo di torta di grano saraceno, pani ai cereali e bretzen appena sfornati.

La Bottega di Sappada, Sappada, Veneto, Italia, Italy, Europe

Link utile :  Consorzio di Promozione Turistica Sappada  www.sappadadolomiti.com

Arrivare:   in auto, seguire l’autostrada A27 fino a Ponte nelle Alpi – Longarone, prosguire sulla statale 51 deviando a destra prima di Tai in Cadore per la 51bis.   In treno, raggiunta la stazione di Calalzo, si prosegue per Sappada in bus.

 

Sempre sul Veneto, puoi leggere anche :  L’inverno gourmet di Cortina d’Ampezzo

Bassa Veronese, tempo di riso        Buona e bella Gallina Padovana     Una gita a Verona

Marca Trevigiana / E’ tempo di funghi !     Veneto / Nelle Terre del Prosecco

Asparago Bianco, il Re di Bassano       Verona, Tutti nell’Arena !      Soavi fioriture

Cortina d’Ampezzo (Bl) / Andar per Rifugi      Carnevale, Venezia dietro la maschera

Venezia, Tra Bàcari, Ombre e Cicheti         Cortina d’Ampezzo (Bl), E’ qui la Festa !

Venezia  delle  Meraviglie          Amici della Buona Terra

POST SUCCESSIVO Bed&Boarding, a Napoli il primo capsule hotel d'Italia
POST PRECEDENTE Lapponia svedese/Tra renne, Sami e aurore boreali