Australia / Fino al 2020 le Luci di Ayers Rock

Scritto da Maurizia Ghisoni | gennaio 30, 2018 0

listener2

Mentre a Melbourne i riflettori si sono appena spenti sull’ Australian Open, uno dei 4 grandi slam del tennis mondiale, più su, nei Northern Territory, ad Ayers Rock, per gli Aborigeni, Uluru, continua a splendere Field of Light, l’ installazione luminosa di Bruce Munro.

Ospitata nel complesso alberghiero Ayers Rock Resort, nel Parco nazionale di Uluru/Kata Tjuta, questa spettacolare opera d’arte è stata inaugurata il 1° aprile 2016 e, visto il grande successo, sarà prolungata fino al 2020.

Si tratta di una distesa di luci colorate, che gli Aborigeni chiamano Tili Wiru Tjuta Nyakutjaku (guardando tante belle luci) e che rappresenta la più grande opera di Munro, fatta di 50.000 steli sottili sormontati da sfere di vetro smerigliato, che si estendono su un territorio grande quanto nove campi da calcio.

field-of-lights

Collegate tra loro tramite fibra ottica e alimentate da energia solare, le sfere colorate si accendono al buio, di notte, illuminando i sentieri e facendo concorrenza al cielo stellato.

Molte le opzioni per accedere all installazione: Field of Light Pass, che include trasferimento a/r in autobus tra il sito dell’esposizione e l’hotel, circa €25 a persona; Star Pass che oltre ai transfer include canapè e vino da €55 a persona e A Night at Field of Light, con passeggiate e una cena sotto le stelle (circa €160 a persona).

                                                                                                                      Pupi Paris

Post correlati: Australia dei Parchi Naturali, l’Eden in un click.

                           Adelaide, Regina del South Australia

                           Outback, cuore rosso d’Australia

                           South Australia, voli diretti per i Flinders National Park

                           Australia, Prairie Hotel leggenda dell’Outback

                          Australia / Flinders, viaggio alle Origini della Terra

POST SUCCESSIVO Livigno (So), Due Cuori e uno Chalet di Neve
POST PRECEDENTE Tel Aviv (Israele)/ Tra movida e cucina creativa