A Egna il primo Albergo Diffuso dell’Alto Adige

Scritto da Maurizia Ghisoni | marzo 28, 2019 0

egna

Egna, il salotto della Bassa Atesina nonché uno dei Borghi più belli d’Italia è pronto per una nuova esperienza turistica nel segno della bellezza e dell’ eco-compatibilità.

Aprono infatti al pubblico 15 deliziosi alloggi (camere e appartamenti) del centro storico, che danno vita a una vero e proprio Albergo Diffuso, all’interno di altrettante tipiche case altoatesine, quelle coi muri spessi e dipinti, gli sporti, le finestrelle romantiche e una trama di portici pittoreschi, sotto ai quali si annidano botteghe, ristoranti ed enoteche, dove è particolarmente piacevole concedersi qualche momento di relax davanti a un calice di Pinot Nero, prodotto con le uve dei vigneti circostanti.

Insomma, una chicca nella chicca, che consentirà di portare linfa nuova a un angolo così bello e rilassante di Alto Adige, valorizzando il territorio e regalando ai turisti un’esperienza autentica, immersi nelle tradizioni e nella cultura locali.

lauben

Tra quelli in prima linea nella promozione del progetto, c’è Horst Pichler, primo cittadino di Egna, che sottolinea quanto l’Albergo Diffuso sia un modello di sviluppo sostenibile e di valorizzazione del territorio a impatto ambientale zero. Per realizzarlo, è infatti sufficiente recuperare, restaurare e mettere in rete il patrimonio architettonico già esistente.

Camere e appartamenti sono accoglienti e ben allestiti; gli ospiti hanno a disposizione anche una sala colazione, dove vengono servite squisitezze dolci e salate. Insomma, gli ingredienti della buona ospitalità altoatesina ci sono tutti: accoglienza, assistenza, ristorazione, spazi e servizi comuni.

emotion

Egna vanta una lunga storia, le sue origini risalgono addirittura all’epoca romana e tutto il territorio è costellato da edifici di grande pregio. Il centro storico è chiuso al traffico ed è piacevolissimo da vivere grazie anche ai tanti eventi e manifestazioni che si susseguono durante l’anno.

Info:  www.neumarkt-egna.it

Articoli correlati : Alto Adige (Bz)/Inverno slow al maso

                                  Sarentino (Alto Adige)/Nella Valle dello Yogurt

                                   Terlano (Alto Adige)/E’ tempo di Asparagi

                                    Alto Adige/Primavera al Maso

                                   Alto Adige terra di buon pane

                                   Alto Adige, il tempo delle mele

                                   Sarentino (Bz)/La Valle del Pino Mugo

                                   Speciale Transumanze/Valle Aurina

                                   Speciale Transumanze/Val Senales

                                   Sciare in Val Venosta (Bz), tutte le novità

                                   Alto Adige/Mercatini di Natale, uno tira l’altro

                                   Bressanone (Bz)/Aspettando Natale

 

 

 

POST SUCCESSIVO Matera 2019, cultura e futuro tra i Sassi
POST PRECEDENTE Francia, in Houseboat sul Canal du Midi